Lunedì, 22 Luglio 2024

libreria acquista online

Miguel Hernández - El chico de Orihuela

A cura di GIO2 (Giorgio Bolletta e Giorgio Filippi).

silvia romano2

Miguel Hernández Gilabert (Orihuela, 30 ottobre 1910 – Alicante, 28 marzo 1942) è stato un poeta e drammaturgo di particolare rilevanza nella letteratura spagnola del XX secolo. Perito en lunas [Esperto in lune] (1933), è un raffinato ma sterile esercizio di stile alla maniera gongorina, a cui fa seguito l’“auto” (dramma religioso) di ispirazione cristiana Quién te ha visto y quién te ve, y sombra de lo que eras [Chi ti ha visto e chi ti vede e ombra di ciò che eri] (1934). All’influenza del cattolico Ramón Sijé, che segna la prima fase della sua produzione, seguono i contatti con Vicente Aleixandre e Pablo Neruda che contribuirscono sensibilmente all’evoluzione della sua poesia; già con El rayo que no cesa [La folgore incessante] (1936) le forme classiche si aprono a toni più personali e ad emozioni violente. Durante la guerra civile milita nelle file della Repubblica, portando a sostegno della lotta antifranchista i poemi bellici di Viento del pueblo [Vento del popolo] (1937) e i drammi riuniti in Teatro en la guerra [Teatro nella guerra](1937); più personale e riflessiva la raccolta El hombre a cecha [L’uomo a caccia] (1939). In seguito alla vittoria falangista è condannato alla pena capitale, poi commutata in 30 anni di carcere. Muore in prigione, senza adeguate cure mediche, di tubercolosi. All’ultima fase della sua produzione appartiene il Cancionero y romancero de ausencias [Conzoniere e romancero di assenze] (pubblicato postumo nel 1958), in cui la sofferenza personale è cantata con toni commoventi, ma sempre con grande rigore ◘

de orihuela altrapagina febbraio 2023 2

Trad di Giorgio Bolletta


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00