Venerdì, 09 Dicembre 2022

libreria acquista online

CRIMINALITÀ. Dodici lettere per non dimenticare Barbara Corvi

Terza lettera.

silvia romano2

Cara Barbara,

tra un mese saranno passati ben 13 anni dal quel pomeriggio in cui sei scomparsa, da quel giorno in cui la tua famiglia e noi tutte ci siamo ritrovate dolorosamente sospese in una dimensione a noi prima sconosciuta, quella dell’attesa. All’inizio era attesa che tu potessi tornare da un momento all’altro, poi è diventata attesa di una verità, verità che stiamo ancora aspettando, ora si è trasformata in attesa di giustizia. Non sai quante volte, organizzando eventi per vivere e conservare memoria di te, della tua vita e della tua scomparsa, abbiamo dovuto rispondere a persone che ci chiedevano se avesse senso continuare a parlare di te, risvegliando quel profondo senso di dolore nella tua famiglia e in tutti quelli che continuano ad amarti.  Qualcuno ci ha anche accusate di fare della tua storia una battaglia ideologica e politica. E noi, più passa il tempo, più rafforziamo la convinzione che la ricerca di verità sulla tua scomparsa è impegno e responsabilità politica di ogni persona che crede e agisce per la libertà, la giustizia e il diritto di scegliere di una madre, di una figlia, di una moglie, di una sorella…di una qualsiasi donna della nostra città, e non solo. La tua lunga assenza è sì dolorosa, ma è lì, si può toccare con mano, non si può né evitare, né cancellare. Esiste, e per tutte noi continuare come se niente fosse accaduto non è stato mai più possibile. Quel grido “Dov’è Barbara” in Piazza XXI settembre ad Amelia, dopo la fiaccolata in cui, insieme al Sindaco, aveva partecipato tanta gente della nostra città, ci ricorda ancora con forza che voltare pagina non si può e che è necessario continuare ad essere accanto alle tue sorelle e a tutti i tuoi familiari, amici e amiche, ricordando a chi ha voluto impedirti di vivere la tua vita di donna, che noi non ci fermeremo fino al giorno della verità e della giustizia. Dobbiamo ringraziarti Barbara per averci insegnato il valore della costanza nel portare avanti con forza i nostri progetti. Se oggi siamo riuscite ad avere nel nostro territorio un Centro Antiviolenza e una Casa di emergenza, che portano il tuo stesso nome, lo dobbiamo in parte a te e a tutti gli anni in cui abbiamo combattuto perché non venisse dimenticata la violenza che hai subito. Oggi abbiamo un servizio che permette di dare una risposta immediata ed efficace a donne che, come te, subiscono violenza, nell’attesa di trovare una soluzione o una sistemazione più stabile, in accordo con i servizi della rete antiviolenza, che, in questi anni si è andata strutturando. Grazie dunque di averci dato modo di dare un senso alla tua assenza.

Nel tuo nome lavoriamo ogni giorno per contrastare la violenza di genere, cambiare la cultura e il linguaggio che la legittimano e essere al fianco delle donne che con coraggio decidono di uscire dalla violenza.

Tu sei memoria viva per noi e per tutte le donne che arrivano a noi.

Noi ci siamo e ci saremo fino al giorno in cui potrai avere finalmente giustizia.

Le tue amiche del Forum Donne Amelia.


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00