Domenica, 07 Agosto 2022

libreria acquista online

Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

VIAGGI IN BICICLETTA: sport - cultura - ambiente. Di Benedetta Rossi.

silvia romano2

Montata la tenda al camping di Barrea, proprio da qui, il giorno dopo, è iniziato il nostro bel giro in bici.

Di buon mattino, proprio dal lago, ci dirigiamo verso il paesino di Alfedena, percorrendo una bellissima strada in mezzo alle colline/montagne circostanti.

Per 30 km scorre tutto liscio fino all’altezza di Castel di Sangro. La consistenza del traffico ci ha costretti a superare una lunga galleria, alla fine della quale, una pattuglia di carabinieri ci ha consigliato di uscire e passare solo all’interno dei paesi.

Abbiamo rischiato molto per aver fatto troppo affidamento alle indicazioni del navigatore, senza controllare bene altre alternative: meglio dedicare sempre 10 minuti in più allo studio del percorso da effettuare.

Seguendo il consiglio che ci è stato dato, arriviamo ben presto al paesino di Roccaraso, per proseguire verso Pescocostanzo. La strada si fa leggermente in salita. Superati i due paesini, ci addentriamo nel bellissimo altopiano delle “cinquemiglia”. Una lunga strada pianeggiante in mezzo ai monti, costeggiata da case di contadini e agricoltori. Pedaliamo finché la strada non inizia a salire verso il Bosco di Sant’Antonio, bellissimo tratto completamente ombreggiato, che, di punto in bianco, inizia a scendere in una panoramica discesa.

La strada prosegue dritta fino a Sulmona, la città dei confetti, dove ci fermiamo per un pranzo veloce, per poi ripartire subito a causa del grande caldo.

Ora ci aspetta una buona parte di salita.

Il primo paese che incontriamo nella strada del ritorno è Anversa degli Abruzzi, piccola chicca sperduta nelle montagne, dove inizia una splendida strada di montagna che attraversa le Gole del Sagittario e ci porta al piacevole lago di Scanno. Qua ci fermiamo per un gelato e ci riposiamo un po’.

Avremmo voluto fare un tuffo nel lago, ma ci attendevano ancora 40km da fare. Così abbiamo deciso di ripartire e, poco dopo il paese di Scanno, affrontiamo l’ultima salita del giorno, lunga almeno 15km, che ci ha permesso di svalicare il panoramico Passo Godi.

Anche qui piccola sosta meritata dopo 115km totali.

rossi benn

Ormai tutta discesa, con vista sul lago di Barrea e la breve salita fino al campeggio. Chiudiamo il lungo giro in 135km.

Percorso molto lungo, ma allo stesso tempo suggestivo, che ci ha permesso, nell’unico giorno a disposizione di assaporare molte cose. Giro consigliato a persone allenate e consapevoli di dover passare tante ore in sella.

Come al solito eravamo con le bici da viaggio, ma con una classica bici da corsa il tempo sarebbe sicuramente più breve: sempre se allenati!!

La zona del lago di Barrea e del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise presenta molte alternative alla bici: belle camminate e visitare paesini caratteristici, e ognuno con una precisa identità. ◘

Di Benedetta Rosssi


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00