Sabato, 01 Ottobre 2022

libreria acquista online

Afghanistan. Perché la guerra finisca.

L'Ucraina vista da qui.

silvia romano2

Finora, i morti sono 13mila. Ma non in Ucraina. In Afghanistan. E solo dall’inizio dell’anno.

I morti sono di più, in realtà: perché questi sono solo i neonati morti di malnutrizione. Più che morti, uccisi. Uccisi dalle nostre sanzioni, che hanno fermato l’economia, invece che i talebani. L’unico mercato rimasto, qui, è quello dei reni. Venduti agli ospedali indiani. Secondo l’ultimo rapporto dell’Onu, il 95% della popolazione è alla fame.

L’Europa in questi giorni si è tinta di giallo e blu, e ha riscoperto se stessa e i suoi valori. Ma vista da qui, l’immagine più iconica non è quella delle frontiere aperte agli ucraini: è quella delle frontiere chiuse a tutti gli altri. E non solo a sud, dove si continua ad annegare, e a denunciare chi va in soccorso, no: le stesse frontiere. Vista dal sottosuolo del mondo, l’Europa è quella degli africani respinti dalla Polonia.

Perché se sei bianco, sei un profugo. Se sei nero sei un migrante.

Anche se sei in fuga dagli stessi bombardamenti.

E anche se fino a ieri, nessuno voleva gli ucraini in Europa. Fino a ieri, non erano come noi.

Leggere la stampa occidentale è così strano. Si parla di Ucraina e basta. Ma non solo nel senso che le guerre in corso al momento sono 59, più quella sessantesima guerra che è il Covid, e che all’improvviso, non interessa più: no, si parla di Ucraina e basta nel senso che tutte le analisi sono centrate sull’Ucraina. Come se l’Ucraina fosse la posta in gioco. E non, invece, il semplice terreno di gioco. Siamo in guerra con la Russia in Siria, dove Putin sostiene Assad, in Libia, dove sostiene Haftar, in Iraq, dove è alleato con l’Iran, in Yemen, dove è il principale mediatore, in Mali, dove è subentrato ai francesi. E nei Balcani, naturalmente. Dai tempi di Milosevic. Perché la Nato ha un ruolo difensivo, è vero: ma per noi. Fuori dall’Europa, è un’altra storia. O vogliamo dimenticare l’Iraq? Una guerra giustificata con la necessità di eliminare armi di distruzione di massa che Saddam non aveva, e per le cui prove, contraffatte, il New York Times ha vinto un Pulitzer?

Si è poi scusato con i lettori. Ma mai con gli iracheni.

Come è piccola, vista da qui, questa Europa che si crede protagonista.

L’Assemblea Generale dell’Onu ha condannato l’invasione dell’Ucraina con una risoluzione che ha avuto 141 voti a favore e 5 contrari. Più 35 astenuti. E tutti hanno elencato sarcastici i contrari: oltre alla Russia, la Bielorussia, la Corea del Nord, l’Eritrea e la Siria. Ma la notizia sono piuttosto gli astenuti. Tra cui la Cina e l’India. Che insieme hanno più di metà della popolazione mondiale.

Più gli Emirati Arabi e il Sudafrica. E il Brasile che si è dichiarato neutrale.

L’intero mondo non occidentale.

Cosa significa?

Il problema non è solo che è una domanda a cui nessuno ha risposta. Il problema è che è una domanda proibita. Perché tentare di comprendere non dico le ragioni, ma il ragionamento, la logica degli altri, che sono altri esattamente perché sono diversi da noi, e ci sono spesso incomprensibili, equivale a schierarsi con Putin.

afghanistan perche la guerra finisca altrapagina mese aprile 2022 2E così, tutto ti piomba addosso improvviso. Anche quando non è affatto improvviso. Al Cairo, la libreria dell’American University nel 2011 aveva questo libro che per anni era stato il più venduto: “Egypt on the brink”, l’Egitto in bilico. E che anticipava la Primavera Araba. Un po’ come ora questa intervista del 2019 a Oleksiy Arestovych, uno dei consiglieri di Zelensky: che spiega come con l’inserimento dell’Ucraina nella Nato, un attacco russo sia probabile. E spiega quando, dove, e come. E non si sbaglia di un centimetro. Alla giornalista, che è di Kiev, che con un rischio così, gli chiede: Scusi, ma allora ha senso?

Ma i conflitti, per noi, sono sempre crisi. E le crisi sono sempre umanitarie. Mai politiche. Come l’Afghanistan. Come Gaza. Che è sotto assedio da 15 anni. E la cui resistenza è terrorismo.

Perché il nemico, per noi, è sempre un macellaio. Ma magari. Sarebbe tutto così semplice, se fosse solo questione di internare i Putin. I Gheddafi. I Bin Laden. Di eliminarli. Come in Siria. In cui ancora oggi, non abbiamo idea del perché Assad abbia così tanto consenso. Da dove viene? Dalla paura? Dall’opportunismo? O è un consenso sincero?

E il risultato è che Assad è ancora al potere.

In una guerra che è appena entrata nel suo undicesimo anno. E in Europa, nessuno neppure sa che non è finita. Dall’inizio dell’invasione, abbiamo pagato alla Russia 21 miliardi di euro di gas. ◘

di Francesco Borri


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00