Venerdì, 03 Dicembre 2021

libreria acquista online

Caos e fango

Dossier.

silvia romano2

Ci sono delle immagini che non possiamo dimenticare: quei bambini, consegnati dalle madri perché i soldati li potessero mettere in salvo, sono la fotografia di una tragedia che colpisce soprattutto i più fragili. L’Afghanistan è al collasso, mancano i viveri, c’è bisogno urgente di aiuti umanitari, altrimenti la popolazione soccombe.

L’improvvisa avanzata dei talebani ha colto di sorpresa l’Amministrazione statunitense che si è trovata a gestire un’uscita dal Paese senza aver preso le misure adeguate. Da parte loro, i talebani si sono mostrati capaci di fare la guerra, ma meno abili a gestire la pace. Per questo migliaia di persone scelgono la fuga, rifugiandosi in Pakistan, in Iran, in Turchia o addirittura in Europa. Cifre attendibili stimano che sono cinque milioni gli afgani che sono usciti dal Paese. Ormai anche le ultime sacche di resistenza contro i talebani in Panjshir sono state annientate e il potere è saldamente in mano agli studenti islamici. Come sia gestito, è un altro paio di maniche.

Le cronache ci raccontano di crimini perpetrati dai talebani sulla popolazione civile e di una caccia alle donne casa per casa, per costringerle a seguire i dettami della sharia o accettare matrimoni combinati. Le donne sono l’anello debole della società afgana, ma in questi venti anni hanno acquisito familiarità con i diritti civili, con l’idea di libertà e di democrazia e non sarà facile per i talebani sottometterle al giogo patriarcale.

L’Europa dopo la commozione iniziale non è stata capace di restituire all’Afghanistan dignità e prospettive di futuro e ha chiuso le porte ai profughi, nonostante la Convenzione di Ginevra ne stabilisca l’obbligo. È un atteggiamento colpevole, sia per gli errori che ha commesso, che per la catastrofe umanitaria che ha provocato. In fondo è una grande ingiustizia nei confronti degli afgani.

caos e fango altrapagina mese ottobre 2021 2

di Achille Rossi


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00