Venerdì, 03 Dicembre 2021

libreria acquista online

Il mercato del fascio

Perugia. Fa discutere il restauro di una effigie fascista posta in un edificio pubblico.

silvia romano2

Alla manifestazione antifascista di Perugia, la partigiana Mirella Aloisio ha fatto presente che quel simbolo fascista, restaurato e messo in bella vista al mercato, si troverà proprio nella piazza intitolata a Giacomo Matteotti, deputato socialista ammazzato da Mussolini.

Mentre parlava ho pensato che quel fascio sarà il logo del nuovo Mercato coperto di Perugia. E che il Consorzio che lo gestirà potrebbe anche risparmiare sulla costosa parcella necessaria per richiedere un marchio e relativa campagna pubblicitaria a una società dell’immagine.

Perché, per quanto accurato e imbellettato e per quanti denari si possano spendere per una campagna promozionale, quel fascio è così invadente che nessun altro logo potrà soppiantarlo avendo una caratteristica che i loghi devono avere: essere evocativo.

E il fascio evocativo lo è, tant’è vero che chi aveva contribuito a liberare Perugia e noi lo aveva giustamente occultato sotto una storica e liberatoria imbiancatura.

Il problema è cosa evoca. Quel fascio evoca una dittatura feroce e assassina, la morte, la più terribile guerra che ci sia mai stata al mondo, persecuzione e deportazione degli ebrei, campi di concentramento e camere a gas, colonialismo, impiccagioni e gas usati come armi contro etiopi e libici, ragazze nere comprate come schiave sessuali.

Tutto questo è scritto in quel fascio e, volenti o nolenti (più volenti che nolenti), i membri del Consorzio di imprenditori che gestiranno il mercato lo avranno appiccicato nel budget che porteranno al collo. Così come sarà evidentissimo al collo dei negozianti e delle loro commesse e commessi e sarà anche incollato a ogni etichetta dei loro prodotti.

Non si vedrà, ma sarà evidentissimo.

Così è e così sarà finché quei fasci simboli di morte campeggeranno dall’alto sul Consorzio di imprenditori, sui prodotti e le merci in vendita, sul “Mercato del fascio”. ◘

di Salvatore Luchetti


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00