Domenica, 24 Ottobre 2021

libreria acquista online

Il saccheggio dell’africa

silvia romano2

Sul continente africano si scatenano gli appetiti delle multinazionali e le mire dei grandi Paesi extraeuropei desiderosi di controllare le risorse di oro, diamanti, uranio, di cui è ricco il continente.

Con la globalizzazione le classi dirigenti locali si sono limitate a contenere le spese statali, a privatizzare l’economia, a pagare il debito estero, come ha spiegato lucidamente Susan George in uno studio diventato un classico. I cosiddetti “aggiustamenti strutturali” hanno fatto crescere la povertà, l’insicurezza sociale, l’esplodere di guerre fratricide e il desiderio di scegliere la via dell’emigrazione.

In questo contesto si diffonde il terrorismo jihadista che dilaga dalla fascia sahariana fino al Mozambico e al Corno d’Africa. Spesso vengono reclutati giovani che non hanno prospettive di futuro, con scarsa cultura e costituiscono bande criminali che seminano terrore e morte senza che gli Stati possano offrire servizi e protezione. Gli immensi spazi del Sahel, con le aree desertiche, rendono difficile controllare le frontiere. La zona delle tre frontiere tra Mali, Burkina Faso e Niger è un’area dove vige il terrore, per il vuoto lasciato dalle popolazioni in fuga. La politica della terra bruciata favorisce traffici di ogni genere, dalle armi alla droga. Il terrorismo, comunque, è utilizzato dalle potenze coloniali per consolidare la loro presenza militare e strategica nel continente.

il saccheggio dell africa altrapagina mese febbraio 2021 1Quello che non stupisce è che il terrorismo in Africa provenga dai Paesi del Golfo e soprattutto dall’Arabia Saudita, che esporta un salafismo radicale fondato su una interpretazione letterale e anacronistica del Corano. Con i suoi petrodollari costruisce moschee e forma i predicatori africani del jihadismo militare. Sarebbe bene che l’Europa cessasse di flirtare con un regime che calpesta qualsiasi diritto e stravolge la convivenza pacifica tra l’islam e le altre tradizioni religiose. L’Africa meriterebbe ben altro. Il suo destino è collegato a quello dell’Europa, che non ha condiviso la medesima storia, ma avrà di certo lo stesso futuro.

DI Achille Rossi

 


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00