Domenica, 26 Settembre 2021

libreria acquista online

Manuale della stupidità

(tratto dal testo Acutezza e l'arte dell'ingegno del 1642 del teologo gesuita Baltasar Gracián)

silvia romano2

Trump sposò Melania ed ebbero figli in abbondanza: Guerra, Povertà, Golpe, Razzismo, Suprematismo, Ku Klux Klan, America First, Facciamo da soli, Solo Bibbia, che generò Intolleranza e Populismo. Quest’ultimo era piccolo e indeciso, ma Trump lo portò sul Pinnacolo della Casa Bianca e gli mostrò tutte le colonie e i beni della Terra: guarda quante ricchezze abbiamo, saranno tue se saprai seminare Odio e Discordia. E la tua discendenza sarà numerosa come le stelle del cielo. Contale se puoi: sono come il conto in banca di papà. Ma guardati bene da Putin e Xi Jinping: entrambi insidieranno il tuo Guadagno. Schiaccia loro la testa con Dazio e Autarchia. Populismo prese coraggio e, benché piccolo e insignificante, cominciò a mescolare zizzania al grano buono; così nacquero Bolsonaro, Orban, Le Pen, Boris, Salvini e tanti altri. Salvini si accoppiò con Giorgia Meloni, la quale portò lo sposo in viaggio di nozze a Casa Pound. Dal loro nero talamo uscirono figli di colore: Blocco Navale, Prima gli Italiani, Mai con l’Europa, No euro, Torniamo alla Lira, Immigrati uguale Malattie, Porti Chiusi, Pandemia non esiste, Armiamoci, Ammazzali se puoi, Madonnina, Rosario, Fontana è Grande e Gal(l)era il suo Profeta, Aiutiamoli a Casa Loro, ma non coi soldi nostri, No Tax, No Vax, i Soldi non Li ho Rubati, li ho presi in prestito dagli italiani, Papeete e Tutti i Poteri che sono fratelli germani. Da questo parto gemellare si è dissociato Di Maio, che poi si è dissociato anche da Di Battista: una parte si è accoppiata con la Piattaforma Rousseau e l’altra col Pd. Così ebbe molti figliolini: Presidenza del Partito, Ministero dello Sviluppo, Ministero degli Esteri, il Premier sono Io. E ancora: le Ong sono Taxi del Mare, le Leggi Sicurezza di Salvini sono mie, Aboliamo la Povertà, Reddito di Cittadinanza, Navigator, Pinochet è in Venezuela, La Tav non la Vogliamo ma si Farà, la Tap idem, Il Ponte di Genova l’ho fatto io, No Mes ma Sem, Tutto il resto è Noia. La Noia accoppiata a Tracotanza ha generato Renzi che ha avuto figli e figlie di primo Letta: Qui Comando io, Stai Sereno, Lascio la Politica, Non ci penso Nemmeno, Ciaone & Ciao. Poi si è sposato in seconde nozze con Monna Maria Elena (Boschi) alla Leopolda con la quale ha avuto sette figli nani di secondo Letta: Banca Etruria, Banca Rotta, Consip, Cambio la Costituzione, Referendum, Italicum e una figlia adottiva: Italia Viva. E poiché questa non riusciva a crescere oltre il 2%, adottò un altro figlio: il Governo Conte. Nonostante il cambio di genere, è rimasta inchiodata al 2%. Allora ha deciso di accoppiarsi con chiunque ed ebbe figli illegittimi: Faccio cadere il Governo; Sposo Verdini per Procura; Vado a letto con Di Maio; ritiro le Querele a Travaglio; Leggo tutti i giorni l’altrapagina. Niente da fare: è rimasto inchiodato al 2%. A quel punto Conte ha disconosciuto la paternità e si è sposato con la Merkel. Dalla loro unione incestuosa è scaturito lo Spillover che ha prodotto Pandemia, da cui sono stati generati Austerità, Recovery Fund, Debito Pubblico, Lockdown, Vaccino. Ma per sfuggire a questa degenerazione, tutti cominciarono a dire: qui ci vuole un Draghi dalle sette teste che mangi con ognuna i Malvenuti, i Malriusciti, i Malamente, i Malnutriti, i Malescenti, i Maldicenti, i Mal-di-denti e possa accoppiarsi con tutti, sia a Destra che a Sinistra per rigenerare la prole di ognuno. Ma il Draghi ebbe un solo figlio a cui dette un nome super partes: Scordatevi di Me. Tutti, allora, si ricordarono di Verdini in carcere a Rebibbia, che, pur in cattività, aveva avuto un figlio stuprando una secondina, e lo chiamò: Non ti Scordar di Me. E molti parlamentari, guidati da una stella cadente (Berlusconi), sono venuti ad adorare il figlio del peccato per parlare col peccatore. Mezzo Parlamento si è recato in carcere (Grillo ha sussurato: chiudiamoceli tutti: occasione unica da non perdere), chiedendo consigli al loro benefattore diventato un santone e dedito alla copulazione, non solo delle secondine ma anche dei secondini e dei terzini. Ai quartini si è fermato per eccesso etilico. Nonostante ciò, i parlamentari si sono inchinati al santo bevitore, dopo averlo venerato come benemerito truffatore. Salvini ha chiesto la mano di Renzi. Ma come, ha ribattuto Verdini: hai già mia figlia! Sì, ma con Renzi si tratta di matrimonio putativo e d'interesse: siamo già d’accordo. Renzi gli ha chiesto di poter sposare Salvini e Berlusconi insieme. Meloni invece gli ha rivolto una preghiera: dammi la forza di sopportare Salvini, Berlusconi e Renzi. La Russa gli ha portato in dono il busto di Mussolini, Santanché una discoteca e Briatore un bacillo di Covid-19. Angelucci (il Re delle cliniche private) ha chiesto consigli per fare più soldi con la Pandemia. Pandemia assieme a Pane, Amore e Fantasia hanno generato il Governatore De Luca, il quale ha detto: tengo famiglia e ho molti piccirilli. Alcuni sono scemi, ma non più di tutti i vostri messi assieme, e li nominò: Vesuvio, Camorra, Poggio Reale, De Magistris, Secondigliano, Fetente, Figlio di Madre Nubile, Scampia, Lancia-fiamme. Ma alcuni sono nobbili e intelligenti: Totò, Edoardo, Maradona, San Gennaro, ‘O sole Mio, Reginella, Voce 'e Notte, Chella llà, Luna Rossa, da non confondersi con la barca. Con questi potrei fare un governo da solo, con me Presidente e Chella llà al posto di Giggino Di Maio, che pur essendo napoletano non sa cantare. E un napoletano che non sa cantare è 'na schifezza. Anzi: propongo di spostare il Parlamento a Napoli, visto che Rebibbia non è proprio il posto ideale. E poi il teatro l’abbiamo inventato noi. E dite voi se questo non è teatro. ◘

manuale4

Redazione


Editoriale l'altrapagina Soc. Coop.
Sede Legale: Via della Costituzione 2
06012 Città di Castello (PG)
Responsabile: Antonio Guerrini
Info Privacy & Cookie Law (GDPR)

Seguici anche su:

Dati legali

P.IVA 01418010540
Numero REA: pg 138533
E-mail: segreteria@altrapagina.it
Pec: altrapagine@pec.it
ISSN 2784-9678

Redazione l'altrapagina

Telefono: +39 075 855.81.15
dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 12.00